In un compressore rotativo a palette il lubrificante iniettato nello statore lubrifica le parti in movimento e assorbe il calore della compressione. Tutti i giochi di funzionamento (estremità del rotore ed estremità/ bordi delle palette) sono sigillati con il lubrificante, che previene perdite da alta a bassa pressione.

Grazie alla loro esclusiva tecnologia a palette, i compressori Mattei sono i più efficienti e affidabili sul mercato. A confermarlo è il corretto metodo per il calcolo del Life Cycle Cost dei compressori: un’analisi reale non deve, infatti, essere condotta sul funzionamento a zero ore, bensì nel tempo. Grazie a questa simulazione emerge il differente comportamento in termini di prestazioni tra un compressore a vite e un compressore a palette: peggiora il primo, mentre migliora progressivamente il secondo. Dati alla mano, considerando un ciclo di vita di 5 anni, un compressore rotativo a palette fa risparmiare circa il 20% di energia elettrica: si tratta del LCC più basso sul mercato. I compressori rotativi a palette Mattei non presentano cuscinetti né a rulli né reggispinta e si affidano a bronzine idrodinamiche lubrificate a olio che non si usurano nel tempo. Il lubrificante, iniettato in pressione, inoltre svolge un’importante azione sigillante. Il vantaggio dato dal design è duplice. In primo luogo, non si verificano perdite di efficienza volumetrica nel tempo. Inoltre un compressore Mattei funziona tipicamente oltre le 100.000 ore senza richiedere interventi per la sostituzione dei cuscinetti usurati. Infine, non solo la performance dei compressori a palette Mattei non diminuisce con il tempo, ma addirittura migliora dopo le prime 1.000 ore di funzionamento. In questo lasso di tempo, infatti, le palette sono sottoposte a un processo di lucidatura completa su ambo i lati che dà avvio a un trasferimento microscopico di materiale destinato a proseguire per l’intera vita del compressore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here