La robotica si ispira molto al mondo degli animali. Dopo il robot libellula, il robot gabbiano e il robot cane, eccone uno che si rifà a un canguro. Lo ha messo a punto Festo, che lo ha presentato all’ultima edizione della fiera di Hannover. Parte integrante del progetto Bionic Learning Network con il quale l’azienda tedesca mira a innovare la robotica cogliendo ogni stimolo proveniente dalla nostra fauna, BionicKangaroo (questo il suo nome) è un prodotto sperimentale realizzato in particolare per studiare e capire meglio la cinematica del salto.

FOTO 1 Canguro Robokanga2

I ricercatori hanno attuato inedite soluzioni progettuali per migliorare l’efficienza del manufatto, riuscendo a recuperare in maniera più efficace l’energia del movimento del canguro. Un dispositivo decisamente interessante, che ben combina tecnologie elettriche e pneumatiche (a bordo del canguro c’è un apposito compressore). Particolari attuatori pneumatici sono infatti incaricati di liberare l’energia per il salto dopo che il canguro ha spostato il suo baricentro in avanti. L’energia cinetica accumulata in questa fase viene utilizzata per il salto successivo. Il robot accumula l’energia cinetica del salto, utilizzandola per compiere il balzo successivo, con conseguente risparmio energetico. L’energia pneumatica è sviluppata da un compressore integrato. BionicKangaroo è alto circa un metro, salta in alto 40 centimetri e in lungo 80 centimetri e pesa sette chilogrammi.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here