NSK propone la vite a ricircolazione di sfere per carichi elevati più veloce al mondo, con velocità lineari fino a 3 m/s, il doppio rispetto alle tradizionali viti a ricircolazione di sfere utilizzate per queste applicazioni. Grazie ai nuovi modelli delle Serie HTF-SRE e HTF-SRD, gli assi di chiusura stampo e di iniezione delle macchine elettriche per lo stampaggio della plastica, possono ora contare su accelerazioni più rapide e velocità finale superiore.

Era il 1996 quando NSK sviluppò la prima Serie di viti a ricircolazione di sfere per carichi elevati HTF, che da allora si è costantemente ampliata per coprire tutte le fasce di prestazioni. Per rispondere alla richiesta del mercato di tempi ciclo più brevi nella produzione di componenti come i display per smartphone e tablet, gli azionamenti lineari delle presse a iniezione più recenti devono poter operare con accelerazioni e velocità superiori. Partendo da questa esigenza, NSK ha sviluppato due serie di viti a ricircolazione di sfere per carichi elevati secondo le necessità del settore.

Nella Serie HTF-SRE, NSK offriva in precedenza solo viti con diametro relativamente grande, da 140 a 200 mm. Ora, per le presse a iniezione di ultima generazione con requisiti dinamici estremamente elevati, sono stati aggiunti alla gamma diametri piccoli e medi, a partire da 50 mm. Inoltre, la Serie offre ora chiocciole molto più compatte, con dimensioni esterne compatibili con la Serie HTF-SRC, già installata su molte macchine di stampaggio a iniezione in tutto il mondo.

Un ulteriore sviluppo realizzato da NSK sulla Serie HTF-SRD, ideale per le unità di bloccaggio delle presse a iniezione, è l’aggiunta di nuove versioni con passi più lunghi. I progettisti di macchine possono ora contare su viti a ricircolazione di sfere per carichi elevati con velocità di avanzamento comprese fra 2 e 3 m/s, che assicurano agli utilizzatori finali delle macchine tempi ciclo più brevi e maggiore produttività. Un altro effetto positivo è la notevole riduzione dei livelli di rumore: grazie alla circolazione ottimizzata (fluida) delle sfere, il rumore è stato praticamente dimezzato rispetto alle viti tradizionali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here