La tecnologia RFID (Radio Frequency Identification), quella delle cosiddette “etichette a radiofrequenza”, sta facendo passi da gigante soprattutto per quanto riguarda gli ambiti di impiego, che vanno dall’abbigliamento all’inserimento nelle comuni banconote. E ora anche nell’ambito della manutenzione meccanica, dal momento che Parker Hannifin Seal Group è riuscita a dotare le sue guarnizioni O-Ring proprio con un chip RFID che non ha bisogno di essere alimentato e sul quale possono essere memorizzate informazioni ricavabili senza contatto da appositi lettori. Dal momento che le dimensioni di questo chip non sono più grandi di un millimetro, può essere montato su qualsiasi guarnizione con spessore superiore ai3,5 millimetri. Parker Hannifin ha messo a punto uno speciale processo di fabbricazione che consente di posizionare con precisione il transponder RFID durante la vulcanizzazione degli O-Ring. Ogni chip RFID inserito nelle guarnizioni ha un codice univoco e può essere programmato su specifiche richieste dei clienti, per cui interrogando il servizio via Web Parker Tracking System (PTS) di Parker Hannifin i clienti possono risalire istantaneamente alle informazioni contenenti nelle guarnizioni tramite un lettore posto alla distanza di qualche metro dall’RFID.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here