Digitalizzazione, cultura 4.0, sfide tecnologiche: sono solo alcune delle espressioni usate dalla platea del convegno “Industry 4.0: la voce di chi produce”, un viaggio – organizzato da Festo e Festo Consulting. Parole che il chairman Alessandro Enna ha raccolto al termine di questo approfondimento dedicato alla rivoluzione Industry 4.0 che ha richiamato centinaia di addetti ai lavori. Un’occasione per testare – attraverso molte testimonianze particolarmente significative – quanto i dettami della digitalizzazione abbiano già iniziato a produrre piccoli e grandi cambiamenti nei processi produttivi di molte aziende, ma anche nei loro business model e più in generale nella visione strategica e d’impresa.

Ad aprire i lavori, il general manager di Festo Antonio Parodi, che ha ricordato come la digitalizzazione allunghi la “catena del valore”, portando con sé notevoli quesiti sia per produttori di tecnologie che per OEM e end user coinvolti nel processo. “Saremo contenti se al termine di questa giornata – ha aggiunto – riusciremo a stimolare riflessioni, non abbiamo l’ambizione di offrire tutte le risposte”.

Ha poi preso la parola Bruno Carminati, Practice Manager Area Operations and Supply Chain di Festo Consulting, che ha spiegato come tra il mondo industriale inteso in modo tradizionale e il cosiddetto “mondo digitale” esistano differenze che vanno tenute in seria considerazione soprattutto in una fase di passaggio come questa. Concetti come “interoperabilità, virtualizzazione, decentralizzazione e modularità” stanno infatti cambiando il modo di intendere l’attività industriale.

Secondo Carminati e la logica seguita da Festo Consulting “i principi della Lean Manifacturing rimangono attuali” ma nello stesso tempo è importante definire come usarli e uno strumento utile può essere il Mile Matrix di Festo per Industry 4.0, che costruisce il passaggio attraverso la scelta delle priorità e la capacità di orientarsi tra mercato, prodotto, processo e strategia aziendale.

Esistono secondo Carminati due approcci possibili. “Se si segue una strada che parte dalla strategia si parla di approccio top down – ha spiegato – mentre se si parte dai problemi di processo si parla di approccio bottom up”.

A parlare di digitalizzazione non poteva mancare anche un colosso dell’information technology come Microsoft che proprio alla gestione dei big data in chiave industriale, sia internamente che esternamente, ha dedicato grande attenzione. In occasione del convegno Festo era presente Carlo Moretti, Industry Principal Solution Specialist Western Europe, che ha presentato i vantaggi della digital supply chain. “Si tratta di una rivoluzione perché ogni prodotto ha una sua supply chain dedicata e monitorata in tempo reale – ha spiegato Moretti -, la fonte di dati è una sola – il cloud – e i dati sono disponibili a qualsiasi ora da qualsiasi postazione. Diventa così possibile monitorare lo stato della produzione, dell’ordine, del trasporto”.

Secondo Moretti, che ha citato molti esempi di aziende alle quali Microsoft ha portato il proprio contributo in termini di fornitura di prodotti tecnologici ma anche di know how della materia, è importante considerare che “failure is an option e sbagliare può aiutare a trovare la giusta strada nel percorso verso la digitalizzazione della fabbrica”.

E’ intervenuto poi Michael Hoffmeister, Senior Expert Digitization and Industry 4.0, Festo AG. Un intervento, il suo, che ha fatto luce sull’approccio della multinazionale tedesca nel campo dell’automazione industriale alle nuove sfide della digitalizzazione. Secondo l’approccio tedesco servono “prodotti, intelligenza, network e comunicazione”. La proposta Festo abbraccia in questo senso ogni passaggio dal livello di prodotto al livello di cloud, attraverso una piattaforma Iot che riconosce dialoga con tutti i livelli portando le informazioni al livello superiore. “Per allargare la connettività esistono applicazioni che permettono di aggiornare lo shopfloor esistente, o per portare l’IoT alle macchine tradizionali”, contenuti tecnologici per aggiornarsi e avvicinarsi alla rivoluzione Industry 4.0 per gradi.

Un approccio che Festo ha messo in pratica per prima nel suo technology plant di Scharnhausen (Germania), di cui ha parlato Alessandro Ferioli, Industry 4.0 Project Leader di Festo Italia. Uno stabilimento nel quale Festo ha messo in pratica i dettami di Industry 4.0 costruendo una vera e propria smart factory, laddove sperimentare concetti innovativi quali “mobile maintenance” o “higher Ogee” o “learning factory”. Come ha spiegato Ferioli “Festo attraverso Scharnhausen ha scelto di giocare la doppia sfida di produrre tecnologia attraverso la digitalizzazione della fabbrica e nel contempo di riportare la produzione in Europa”.

Scharnhausen è l’emblema di un approccio alla cultura 4.0 che Festo persegue da anni e fondato, come ha spiegato Ferioli “sulla capacità di prendere decisioni efficaci, sulla creatività e innovazione, sull’interdisciplinarietà e su un’attività agile, veloce e interattiva”.

L’investimento in IoT di Vodafone Automotive è stato il focus dell’intervento successivo. Ne hanno parlato Andrea Di Nunzio, capo degli HR di Varese Plant, e Nello Aimone, capo delle Manufacturing Operations dell’azienda. “Abbiamo investito sulla creazione di soluzioni end to end per la telematica e la sicurezza dei veicoli – ha spiegato Di Nunzio – che ci permette di tracciare i comportamenti degli end user”. I target del progetto sono anche le assicurazioni, che hanno in tal modo la possibilità di conoscere i comportamenti degli automobilisti e di conseguenza determinare eventuali responsabilità.

Una filosofia, quella della connettività, che Vodafone Automotive utilizza anche internamente. “Siamo partiti da un concetto di connettività orizzontale – ha spiegato Aimone – che secondo me è la vera rivoluzione portata da Industry 4.0, e dai principi della Lean Manifacturing, tenendo sempre presente che gli attori principali sono gli operativi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here